SOCIALIZZAZIONE E I SUOI CONTESTI: è EMERGENZA EDUCATIVA!

Cari Amici di Colore Al Mondo, Cari Soci, da oggi inizieremo a cercare di capire tutti uniti e tutti insieme, cosa sta accadendo effettivamente alla nostra società ed alle nostre nuove generazioni. Ho cercato di utilizzare termini più semplificati possibili, o di semplificarli, spero di esserci riuscito e che questa serie di articoli che vi propogngo anche nel FORUM DISCUSSIONI sia alla portata di tutti, ma desidero essere ottimista e credo tutto ciò avverrà!

 

Con termini come “socializzazione”, “inculturazione”, “riproduzione culturale”, “formazione” o “educazione” le scienze socio-umane alludono al processo in cui la società inserisce i suoi nuovi membri in un sistema di visioni del mondo, conoscenze, competenze, norme, valori, modelli, pratiche che garantiscono la riproduzione del sociale e la collocazione degli individui al suo interno, mettendo anche questi ultimi nella condizione di avere un’identità e una serie di conoscenze con cui orientare la propria azione. Tutti noi diventiamo esseri umani compiuti (ossia completi) sotto la guida di modelli culturali che danno forma, ordine, scopo alla nostra vita e che allo stesso modo rappresentano dei vincoli (impegni) indispensabili del nostro agire. In ogni società sono presenti dei dispositivi per trasmettere la cultura, cioè le conoscenze, le esperienze e le forme di relazione che caratterizzano il modo di vita dei suoi membri, da una generazione all’altra, ma anche a persone provenienti da altre società. Il processo attraverso cui la società recluta i suoi membri formandoli con la propria cultura, secondo forme istituzionalmente o in modo spontaneo, è stato definito dagli antropologi ( scienziati che studiano l’insieme delle conoscenze che si hanno sull’uomo sulla sua storia passata e le sue origini…) come INCULTURAZIONE. L’inculturazione può essere studiata dal punto di vista della società come processo di trasmissione della cultura ai suoi membri, e dal punto di vista dell’individuo che li acquisisce come apprendimento.

Inculturazione e socializzazione sono due ETICHETTE per le stesse modalità di apprendimento, prevalentemente informali, e fondate sull’interazione sociale e sull’imitazione. Valori, norme, modelli che si trasmettono tra le generazione con l’obiettivo di fornire omogeneità tra gli individui, in modo che tutti possano riscoprire adeguatamente i ruoli che la società prevede per loro. La variabilità estrema che i valori e le norme presentano da cultura e cultura, oltre che nel corso del tempo, è un indice inequivocabile (indica inequivocabilmente cioè, senza possibilità di errore) del carattere convenzionale ed arbitrario di entrambi: sono gli UOMINI A STABILIRLI sulla base di ragioni storiche e ideologiche, sebbene la società (l’insieme degli uomini) per salvaguardare le basi della loro esistenza e l’ identità dei loro membri, attribuiscano ad essi ( a valori e norme) un carattere universale descrivendoli come “naturali” o “sacri”.

La socializzazione avviene sia all’interno di gruppi identificabili ed istituzione ovvero la FAMIGLIA, LA SCUOLA, LA FEDE DOVE E QUALORA ESISTESSE NEI GRUPPI DOVE AVVIENE LA SOCIALIZZAZIONE, LO SPORT, IL GRUPPO DEI PARI ( vale a dire ad esempio una tipologia di gruppo che si può formare fra adolescenti ovvero fra tutti i bambini, ragazzi e giovani di età uguale) IL LAVORO, ma la stessa socializzazione avviene anche in contesti che riguardano LA COLLETTIVITà nel suo insieme ed agiscono in maniera diffusa, come i MASS-MEDIA. Tutti questi elencati si definiscono agenti (cioè persone o istituzioni o mezzi che realizzano il processo di socializzazione di tutti coloro che sono da socializzare: le nuove generazioni come gruppi o come singoli.

Accade però ordinariamente che, coloro famiglia, scuola, ecc…… agenti appunto di socializzazione possono avere in modo esplicito scopi utili e ottimi di socializzazione oppure proporsi ALTRI FINI! Questo accade spesso con i MASS-MEDIA, nel raggiungimento dei quali si producono sempre e comunque effetti di socializzazione che sia socializzazione buona dignitosa, oppure no.

E’ tipico delle scienze dell’educazione, infine, osservare i fenomeni della socializzazione nell’ottica dei processi formativi. Il primo a sostenere la dipendenza del sistema formativo della società è stato Emile Durkheim: lo sviluppo di un bambino nell’ambiente sociale viene strutturato da una serie di azioni indirizzate alla sua formazione e dall’offerta di uno “sfondo” su cui costruire se stesso e i propri significati. Questa costruzione non è però MAI una PLASMAZIONE ASSOLUTA, nel senso che contiene sempre un apporto dell’individuo, della sua UNICITà psicobiologica che inevitabilmente determina le direzioni e gli effetti dell’azione sociale.

Tale punto di vista corrisponde del resto alla VALORIZZAZIONE DELL’INDIVIDUALITà PRESENTE NELLA NOSTRA SOCIETà.

In definitiva ecco i principali punti che ci hanno portato ad una società così grigia …… LA MANCANZA DELLA FAMIGLIA COME PRIMA AGENZIA DI SOCIALIZZAZIONE PER I PROPRI FIGLI, ANCHE PERCHè OGGI è DECADUTO LO STILE FAMILIARE, MOLTI SONO NUCLEI DI DUE PERSONE CHE DICONO DI AMARSI MA NON SANNO NEANCHE COSA SIGNIFICHI AMARSI…… MOLTI DI QUESTI NUCLEI FAMILIARI O NON HANNO Più FIGLI poiché NON VOGLIONO E QUINDI CALCOLANO (ORRIBILE) LA POSSIBILITà DI FARE SESSO SENZA DOVER PROCREARE, OPPURE HANNO 1 O 2 FIGLI MA NON SANNO ESSERE GENITORI PERCHè NON SANNO AMARSI. QUESTI INDIVIDUI SONO PROPRIO STATI Già COLPITI DA QUELLA SOPRACITATA INCULTURAZIONE MANCANO DI VALORI E NORME.

LA MANCANZA DELLO SVOLGIMENTO COME AGENZIA EDUCATIVA DELLA SCUOLA: OGGI IL Più DELLE VOLTE NON Più AGENZIA DI FORMAZIONE E EDUCATIVA DEI GIOVANI MA SOLO BASATA SU PROGRAMMI DI VASTA ENTITà DA SVOLGERE IN MENO DI NOVE MESI SCOLASTICI, SIMPATIE ED ANTIPATIE DEGLI INSEGNANTI VERSO GLI ALUNNI, ALUNNI NON PREPARATI DALLE FAMIGLIA, MANCANZA TOTALE DI COLLABORAZIONE FRA GENITORI E INSEGNANTI, ESISTENZA DI INSEGNANTI INCULTURIZZATI, PRIVI DI VALORI E NORME CHE DECIDONO DI INSEGNARE SOLO COME MESTIERE E PER LO STIPENDIO. QUINDI PORTATI AD UN COMPLETO DISINTERESSE VERSO I PROBLEMI DEGLI STUDENTI. E SI ARRIVA ALL’INGRESSO IN SOCIETà DI TALI NUOVE GENERAZIONE VOLUTAMENTE INCOLTURIZZATE PRIVE DI VALORI E NORME CHE NON HANNO IN sé UNA VERA E PROPRIA IDENTITà E COSA FANNO?! VANNO A CERCARSELA DA SOLI! IN QUALI ALTRE AGENZIE DI SOCIALIZZAZIONE?! DISCOTECHE, PUB E BAR, VITA NOTTURNA, DROGHE, ALCOOL, SESSO, E NON RIUSCENDO Più A FORMARSI DA SOLI UNA VERA E PROPRIA IDENTITà ECCO CHE DIVENTANO AGGRESSIVI NEGATIVAMENTE CONTRO LE FAMIGLIE LE SCUOLE LA CHIESA TUTTE QUELLE AGENZIE EDUCATIVE E FORMATIVE CHE LI HANNO IN QUALCHE MODO LASCIATI SOLI …………. è EMERGENZA EDUCATIVA! 

Be Sociable, Share!

Info su Giovanni Paolo Maria Granato

Fondatore e Presidente eletto dal Consiglio Costituente dell'Associazione Nazionale non-profit Colore Al Mondo Amici Controcorrente: Sempre Uniti Sempre Insieme per una Società migliore!
Questa voce è stata pubblicata in Giovanni Paolo Maria Granato: il Vivere ControCorrente, Il Presidente dell'Associazione:info personali e articoli, LA VOCE DEL PRESIDENTE e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a SOCIALIZZAZIONE E I SUOI CONTESTI: è EMERGENZA EDUCATIVA!

  1. cristina.stellina scrive:

    BUON GIORNO PRESIDENTE LA VOSTRA CONSIGLIERA CRISTINA.STELLINA E’ D’ ACCORDISSIMO CON QUESTE PAROLE NELLE FAMIGLIE E NELLE SCUOLE E NEL MONDO MANCA IL VERO AMORE DI DIO E NON RIUSCIAMO PIU’ AMARCI COME DIO CI AMA E DOBBIAMO PERO’ SFORZARCI AD AMARCI GLI UNI VERSO GLI ALTRI GRAZIE PRESIDENTE PER QUESTA SPLENDIDA E VERA TESTIMONIANZA DI FEDE CONCORDO CON LEI IN TUTTO QUELLO CHE HA DETTO SONO FELICISSIMA DI ESSERE RITORNATA QUI CON LE E CONI CONSIGLIERI IN FEDE LA VOSTRA CONSIGLIERA GABRIELLI CRISTINA.STELLINA PER SEMPRE UNITI PER SEMPRE INSIEME W IL NOSTRO PRESIDENTE UN 3ABBRACCIO A LEI PRESIDENTE E A TUTTI I CONSIGLIERI <3<3<3

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>